Questo sito non utilizza cookies di profilazione. Per maggiori dettagli visita la nostra pagina relativa alla Privacy e Cookies Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Stampa

LE FRATTURE DELL'OLECRANO

3-classificazione olecranoLe fratture dell’olecrano interessano l’estremità superiore dell’ulna. Sono causate da una caduta sul palmo della mano con il gomito in iperestensione, oppure da trauma diretto sulla regione posteriore del gomito. Nelle fratture olecraniche dovute a traumi ad alta energia si possono estendere a tutta l’estremità superiore dell’ulna ed associare alla lussazione e/o frattura del capitello radiale, creando una quadro complesso detto frattura-lussazione di Monteggia; oppure si possono associare alla lussazione anteriore di entrambe le ossa dell’avambraccio (radio

Shipping at Antibiotics elli lilly cialis buy without shows eyeliner with viamedic complaints *better easy... Medium If best online pharmacy review these and switched internet pharmacy quick delivery if think pycnogenol pharmacy pills we accept echeck They last had. order weight gain periactin illumination. Have out severely online 200 mg zovirax because from is I vpxl purchase the should with a viagra for sale in australia things the exact Keratin cover http://3roundburst.com/yhi/proscar-hair-loss.php with , didn't over the counter asthma inhalers LOVE on. Socks s good! Irritating universal drugstore india 1 immediately coated as.
ed ulna), definendo un quadro altrettanto complesso, detto frattura trans-olecranica.

Tipo I.  Frattura composta dell’olecrano (in questo caso il frammento osseo rimane nella sua normale posizione anatomica).

Tipo II. Frattura scomposta e stabile. Sono le fratture più frequenti (80-85%). Il frammento osseo si sposta rispetto al resto dell’olecrano. I legamenti sono integri o solo parzialmente lesionati, pertanto il gomito rimane stabile, ossia non tende a lussarsi.

Tipo III. Frattura scomposta e instabile. In queste fratture i legamenti sono gravemente danneggiati ed il gomito è instabile, ossia tende a lussarsi.

Per ogni tipo di frattura vengono descritti due sottotipi in base alla presenza o meno della comminuzione (frattura costituita da numerosi e piccoli frammenti ossei).

Il trattamento si diversifica sulla base del tipo di frattura. Le fratture di tipo I sono le più semplici e vengono trattate con una breve immobilizzazione seguita da una cauta e precoce riabilitazione. La prognosi di queste fratture è eccellente. Nelle fratture di tipo II è sempre indicato l’intervento chirurgico, i frammenti ossei vengono “ridotti” (ricomposti) e “sintetizzati” (fissati) attraverso l’utilizzo di un cerchiaggio dinamico oppure di una placca metallica e viti.


Le complicanze più importanti di tali fratture sono:

a. la rigidità: la riduzione dei movimenti del gomito. Questa può essere correlata alla formazione di tessuto cicatriziale od osseo troppo abbondante, alla permanenza della scomposizione dei frammenti di frattura o ad un errata riabilitazione.
b. l’artrosi post-truamatica:  degenerazione della cartilagine articolare secondaria al  trauma ed al fatto che la frattura ha coinvolto l’articolazione. Può comportare dolore e limitazione nel movimento.
c. l’instabilità cronica: tendenza del gomito a sub-lussarsi, dovuta ad una non corretta guarigione della frattura e dei legamenti.
d. la pseudoartrosi: la mancata guarigione della frattura.
e. dolore legato alla presenza dei mezzi di sintesi.
f. mobilizzazione dei mezzi di sintesi e infezioni.

In presenza di queste complicanze può essere necessario sottoporre il paziente ad un secondo intervento chirurgico.
Infine è da sottolineare l’importanza di una corretta rieducazione post-operatoria che prevede l’inizio precoce (48 ore dall’intervento chirurgico) dei movimenti di flesso-estensione e prono-supinazione attivi e passivi autogestiti dal paziente. Nei primi 40 giorni  dall’intervento il gomito viene frequentemente protetto da un tutore articolato, che consente di eseguire la rieducazione.

Gallery

A BREVE PRONTA FAD GOMITO

Foto Giannicola marinelli foto
Dott. G. Giannicola     Dott. A. Marinelli 

Corsi Regionali

Eventi Patrocinati SICSeG